Khiva

La fiabesca città di Khiva, la città delle “Mille e una notte“, affascina dai secoli le persone di tutto il mondo con la sua bellezza e il suo fascino unico. Mentre visitiamo questa città e camminiamo attraverso le sue antiche strade e gli edifici storici circostanti, ci sentiamo come se fossimo tornati ai vecchi tempi. Khiva, che ha ricevuto lo status di “museo a cielo aperto“, è una delle poche città al mondo in cui un’intera città all’aperto è stata conservata nel suo stato storico. Non è un caso che Khiva, una delle città più antiche del mondo e uno dei centri turistici internazionali, sia riconosciuta come un museo a cielo aperto. Più di 122 monumenti archeologici e architettonici dal VI al V secolo a.C. fino all’inizio del XX secolo sono stati conservati nella città e sono sotto protezione statale.Nei suoi monumenti vediamo le opere più belle dei maestri di folk dell’oasi di Khorezm * (Khiva fa parte della regione di Khorezm). In particolare, la parte Ichan-Kala (Fortezza interna) di Khiva è l’unica e l’intera città-monumentale  dell’Asia centrale, il cui destino in passato i suoi monumenti architettonici sono strettamente legati allo sviluppo storico e culturale dell’oasi di Khorezm che  più antica del mondo.

Khiva è una città museo, proprio come Roma, Granada e alcune altre città storiche. Questo è un regalo speciale per ogni turista locale o straniero. Ichan-Kala
Riserva-museo storico-architettonico statale di Khiva uno dei più antichi musei dell’Uzbekistan, si trova su un’area di 26 ettari e circondata con le mura antiche di Ichan-Kala. Khiva è stata la prima città dell’Asia centrale ad essere iscritta nella Lista del Patrimonio Mondiale con una risoluzione speciale della 14a sessione dell’UNESCO in Canada il 12 dicembre 1990. Gli scavi archeologici mostrano che la città ha più di 2.500 anni. Erodoto, noto come il “padre della storia”, nelle sue opere ha fornito anche alcune informazioni su Khorezm e Khorezmiani.

Nel Medioevo, Khiva era la città degli studiosi. C’erano grandi centri scientifici: astronomia, matematica, medicina, i grandi scienziati Abu Rayhan Beruni, Abu Ali ibn Sino (Avicenna) vivevano e lavoravano qui. Il re Mamun ibn Muhammad aveva alcuni dei più grandi studiosi orientali del Medioevo, che fondarono l’Accademia di Ma’mun. I famosi poeti del XIX secolo Shermuhammad Munis e Ogahi hanno creato le loro opere qui.

Va anche notato che c’è un altro grande scienziato cresciuto nella regione di Khorezm e la scienza da lui fondata ha svolto un ruolo importante nello sviluppo dell’umanità. Questo studioso era il famoso Abu Abdullah Muhammad ibn Musa al-Khwarizmi, che ha fondato la scienza dell’algebra, e il termine è ben noto dal suo libro, Un breve libro sul calcolo algebrico . Apparentemente, la parola “algebra” deriva dalla parola “aljabr” ed è ben nota.

Nel suo periodo di massimo splendore, Khorezm era il più grande centro del commercio internazionale e una parte fondamentale della Grande Via della Seta. I mercanti venivano qui dalla regione del Volga, dall’India e dall’Iran, e le carovane commerciali andavano in Medio Oriente, Turkestan orientale e Cina. Varie rotte commerciali da Khiva portavano alla Mongolia, attraverso le steppe del Kazakistan a Saksin, una città commerciale sul fiume Volga, e da lì ai principati russi e all’Europa.

In effetti, la regione di Khorezm, in particolare la città di Khiva, ha un posto unico nel mondo turco. Poiché il mondo turco è uno dei centri culturali, il 30 novembre 2019, in occasione della 37a riunione del Consiglio permanente dell’Organizzazione internazionale della cultura turca – TURKSOY, Khiva è stata dichiarata la capitale culturale del mondo turco nel 2020.